Psicodinamica e strutture caratteriali. Sessualità e caratteri: omosessualità

//Psicodinamica e strutture caratteriali. Sessualità e caratteri: omosessualità
omosessualità

Quando il bambino si trova nella fase pre-edipica deve decidere quale modello di genitore assumere, sia a livello dell’Io che a livello sessuale. Tale identificazione dipenderà dalla dominanza di uno dei genitori e dalla continuità della loro presenza. I maschietti che hanno solo  la mamma (orfani di padre, ragazze madri, padri sempre in viaggio per lavoro, ecc.) corrono maggiori rischi di omosessualità, in quanto la loro identificazione dell’Io e corporeo-sessuale può contenere modalità tipicamente femminili. Per quello che riguarda le bambine, l’omosessualità si comprende in funzione della facilità di contatto con la figura materna e quindi a preferirla per una serie di ragioni quali:

  1. personalità materna più forte della paterna;
  2. padre assente e quindi non identificabile come oggetto d’amore;
  3. invasività materna rispetto all’Io in evoluzione filiale;
  4. facilità, abitudine e quindi preferenza al contatto amoroso (o desiderio di contatto amoroso) con la figura femminile;

Nella omosessualità non si sviluppa la fase edipica in modo classico: identificazione, cioè, con il genitore dello stesso sesso e competizione edipica con lui/lei per la conquista del genitore del sesso opposto. Se la madre è una madre virago ed il padre è una figura debole, può succedere che il bambino si identifichi istintivamente con la figura preminente materna. Per la bambina può succedere lo stesso, se il modello offerto dal genitore dello stesso sesso è perdente.

Il bambino, infatti, ha bisogno di introiettare un modello vincente e l’identificazione sessuale può avvenire con la mamma se lei è la figura vincente o preminente in famiglia. Poiché il bambino si identifica sia a livello dell’Io che a livello sessuale, nel primo caso avremo l’identificazione con il genitore dello stesso sesso, ma poi, rispetto al comportamento sessuale, si avrà l’identificazione con il genitore di sesso opposto. Dipenderà poi dalla carica energetica esistente e dalle qualità caratteriali sviluppatesi, il comportarsi attivamente o passivamente, nella relazione.

L’omosessualità può essere evidente o rimanere latente e non manifestarsi mai oppure essere espressa solo in determinate condizioni favorevoli.

“Caratteriologia – L’analisi del carattere per capire i comportamenti umani” di Tommaso Traetta, Armando editore, 2009)